giovedì 7 marzo 2019

Come realizzare un supporto verticale per levigatrice a nastro con pezzi di recupero

Nei giorni scorsi mi sono convinto a costruire un "mobiletto" di supporto per la mia levigatrice a nastro che normalmente uso per piccoli lavoretti su tavole di legno ecc.
E' una vecchia smerigliatrice della Bosh, funziona bene ma è adatta a spianare o levigare tavole, a me serviva più una grinder da coltellinai. Sono macchine in cui il nastro scorre in verticale e, tramite un piano perpendicolare alla direzione di scorrimento, si può smerigliare le lame per ottenere la forma voluta. Per chi non l'avesse mai viste quelle professionali sono fatte così:



Io non posso permettermene una di questo genere ed inoltre non avrei neppure lo spazio dove metterla.
Ci ho messo un po' a pensare come fare la struttura, volevo costruire qualcosa che fosse smontabile e che mi permettesse in poche mosse di rimuovere la smerigliatrice dal supporto per poterla usare da sola, inoltre volevo mantenere la possibilità di sostituire il nastro senza doverla smontare dal mobiletto. 
Per prima cosa ho realizzato uno spessore per poter fissare la smerigliatrice al montante.

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

Fortunatamente questo modello della Bosh ha due forti filettati M6 che sono perfetti per fissarla.
A questo punto con pezzi di recupero ho costruito un telaio che fosse in grado di sostenere il peso della levigatrice. Sono le classiche tavole in abete che si trovano da ogni negozio per il fai da te.


struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

Qui vedete la smerigliatrice montata. Il lato sinistro permette di smontare il nastro senza staccare la levigatrice dal telaio. Cosa molto utile quando si deve usare grane diverse a seconda della finitura che si vuole dare alla lama.

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

Dopo alcune prove di tenuta e aver verificato che il nastro fosse in bolla col piano ho iniziato a costruire l'area di lavoro. Per poter montare e smontare facilmente il piano su cui si lavora ho realizzato due perni ad incastro. 

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

Dal lato opposto per fissare il piano di lavoro al telaio ho fatto due fori passanti in cui mettere due viti.

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

Su questa struttura ho poi fissato il piano di lavoro definitivo realizzato con un pezzo di MDF, anche lui di recupero.

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

Infine ho verniciato il tutto per dare un minimo di decenza estetica al tutto.

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

Qui vedete il tutto smontato.


struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

struttura per levigatrice a nastro smerigliatrice verticale in legno fai da te home made

Una volta finita, dopo le prime prove, mi sono accorto che la polvere non veniva portata via e rimaneva nella struttura. Mi sono quindi costruito un raccordo per poter attaccare il mio bidone aspiratutto alla bocchetta dove era inserita la sacca raccogli polvere.
L'ho realizzato stampandolo in 3d con del PLA, era il più facile da usare e sono agli inizi con questa tecnologia.


raccordo per aspiratore levigatrice bosh in pla abs stampa 3d

raccordo per aspiratore levigatrice bosh in pla abs stampa 3d

raccordo per aspiratore levigatrice bosh in pla abs stampa 3d

Non vi ho messo le misure precise dei singoli pezzi perchè penso che, a meno che non abbiate una levigatrice come la mia, siano praticamente inutili. In ogni caso credo che l'idea possa essere usata per qualsiasi smerigliatrice a nastro che abbiate.

lunedì 18 febbraio 2019

Storieefoto ritorna su Facebook

Dopo un periodo di assenza torno su Facebook.


storie e foto su facebook storieefoto

Ero sparito circa 4 mesi fa dopo un periodo di inattività.
Non so ancora se ho fatto bene o male a prendermi questo periodo di pausa dal più famoso dei social, non mi portava molte visite sul sito e quindi ho provato a lasciarlo perdere per un po'.
Oggi sono tornato, principalmente mi spiace lasciar sparire nel dimenticatoio tutte le raccolte di foto che ho fatto negli anni e i contatti con quelli che mi seguono su quel mondo. 
Per chi non lo sapesse Storieefoto è anche su instagram, basta cercare l'omonimo profilo e vi lascio il link diretto in basso.


storie e foto su instagram storieefoto

Mentre su Facebook Storieefoto è una raccolta di album fotografici a tema, su Instagram cerco di pubblicare un'immagine al giorno. Il tema è scelto ogni tre giorni rispettando la regola di tre foto a colori e tre in bianco e nero.
Per le foto a colori i temi variano a seconda della giornata, per quelle in bianco e nero invece tendo a seguire un argomento più ampio. Ad esempio in questo periodo sto passando in rassegna i mezzi militari del regio esercito durante la seconda guerra mondiale.
Non è facile trovare foto interessanti in bianco e nero che non siano le solite viste e riviste, ma cerco di impegnarmi. 
Se vi ho fatto venire un po' di acquolina in bocca seguitemi sui social cercando Storieefoto o cliccando sui link sottostanti. 

https://www.instagram.com/storieefoto/

https://www.facebook.com/storieefoto/

Grazie a tutti.

domenica 3 febbraio 2019

Come ricostruire oggetti in resina

Volevo condividere con chi mi segue una ricostruzione che ho recentemente terminato.
L'oggetto che ho ricreato non è nulla di entusiasmante, ma la tecnica può essere usata per riprodurre qualsiasi cosa che vi viene in mente.
Nello specifico io ho duplicato un manico di una posata da cucina.
Qualche tempo fa mia suocera chiede se sapevo come rifare l'impugnatura che negli anni si era consumata. 
Poco prima avevo comprato la resina sintafoam della prochima e la gomma siliconica dello stesso produttore.
Devo dire che, anche se non l'avevo mai usata, è stata abbastanza facile da utilizzare.
Prima di andare avanti vi ricordo che sono reagenti chimici pericolosi per l'uomo, quindi munitevi di un grembiule, un paio di guanti in gomma e non togliete mai gli occhiali protettivi durante la lavorazione.
Ecco come si presentava il manico da ricreare. 


calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

La prima cosa che ho fatto è stata quella di creare il calco negativo con la gomma siliconica. Per fare ciò sono partito da una posata col manico abbastanza intatto. 


calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

Ho costruito un contenitore che lo ricoprisse bene, ma allo stesso tempo non troppo largo in modo da evitare sprechi di gomma. Ho utilizzato una bottiglia del latte che ho ritagliato e avvolto su se stessa chiudendo il tutto con del silicone, potete usare anche la colla a caldo. In ogni caso va bene qualsiasi scatolina di plastica o di cartone rivestito con del cellophane. State attenti a non usare  contenitori in ceramica o vetro perchè alla fine del tutto per togliere il calco dal contenitore bisognerà romperli.
Le dimensioni devono essere sufficienti a garantire la solidità dello stampo.


calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

A questo punto ho miscelato la gomma siliconica GLS-50 col suo catalizzatore T30, che ne innesca la reazione, in misura del 5%. 




Vi servirà un bilancino di precisione per poter dosare i due reagenti.
Io ne usata un po' più di 100 grammi quindi ho messo circa una siringa da 5 ml piena oltre il fondo scala di catalizzatore.
Una difficoltà che ho incontrato è stata quella di capire quanta gomma siliconica fosse necessaria per ricoprire l'oggetto da ricreare. Per risolvere il problema ho riempito il contenitore con acqua fino all'orlo, ho poi inserito il manico all'interno in modo che l'acqua fuoriuscisse e ho misurato quanta ne era rimasta. In buona approssimazione l'acqua rimanente corrisponde alla gomma che vi servirà.
Se volete evitare che si creino troppe bolle nello stampo che influiscono negativamente sulla riuscita del lavoro state attenti quando miscelate i due componenti a non inglobare troppa aria. Dovete miscelare delicatamente e lentamente in verticale facendo esattamente l'opposto di quello che si fa quando si montano gli albumi a neve.


calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

Ottenuta la miscela pronta a indurirsi l'ho versata nel contenitore e immerso il manico da riprodurre. 
La parte più difficile è stata quella di trovare il baricentro per far si che lo stampo si solidificasse in verticale. Ho provato a legare il forchettone in diversi pumti e alla fine ho posizionato il tutto senza più muoverlo.
Non preoccupatevi di fare in fretta e curate i dettagli perchè per la vulcanizzazione completa servono anche 18-20 ore e avete circa un'ora di tempo per la messa in posa. Le tempistiche dipendono dalla temperatura ambiente, l'ideale è rimanere tra i 20 e i 40 gradi centigradi. 
In caso la gomma siliconica non indurisse i problemi possono essere due:
- avete messo poco catalizzatore, ve ne accorgete se dopo un'ora la gomma è ancora completamente liquida. In questo caso dovete togliere la gomma dal contenitore e rimiscelare il tutto aggiungendo il catalizzatore necessario. 
- la temperatura è troppo bassa, ve ne accorgete se dopo 10-20 ore lo stampo è gelatinoso e appiccicoso, in questo caso basta spostare il tutto vicino ad una fonte di calore.


calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

Io sono stato fortunato e dopo circa un giorno, la gomma era completamente indurita. Per estrarre il manico mi sono aiutato con un bisturi e ho seguito un taglio a zig-zag in modo da aumentare le superfici di contatto tra le due parti nelle fasi successive.

calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

Come potete notare io ho inglobato un po' troppa aria nella gomma e sono rimaste alcune bolle d'aria. Se usate la gomma per ricreare piccoli oggetti ricchi di dettagli per modellismo questo vi creerà dei problemi quindi state molto attenti e seguite quanto vi ho scritto sopra.

Arrivati a questo punto ho ricomposto lo stampo usando elastici ed un bicchiere per tenere il tutto in equilibrio. Anche qui la parte difficile è stato sistemare in verticale il mestolo attorno a cui doveva ricrearsi il manico. Dopo svariate prove ho trovato la soluzione, usando una calamita ho attaccato il mestolo al piano del trapano a colonna, in questo modo potevo pure regolare l'immersione in maniera graduale.

calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

Nell'immagine sopra vedete già la resina Sintafoam all'interno dello stampo che sta iniziando a indurirsi. 
Io ho utilizzato la resina della Prochima, ma ne esistono molte tipologie. 



Ricordo ancora una volta la pericolosità dei reagenti specialmente per gli occhi e le mucose. Mettetevi in un luogo ventilato e non posate mai gli occhiali. Evitate di toccarvi occhi e bocca con le mani sporche, lavatele abbondantemente finito il lavoro anche se avete usato i guanti.
Le dosi per la resina sono 1 a 1 quindi una volta stabilito la quantità necessaria basta dividere a metà e preparare le due dosi. Io l'ho fatto usando due siringhe separate, ho poi spruzzato il contenuto in un bicchiere, e miscelato sempre senza inglobare aria.
A questo punto ho colato il composto nello stampo. Rispetto alla gomma bisogna fare in fretta perchè il tempo di reazione è molto veloce, dopo 5 minuti è già parzialmente indurita e il tutto si conclude in meno di mezz'ora. Io per sicurezza ho aspettato un'ora poi ho tolto il nuovo manico dallo stampo. 

calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

calco riproduzione in resina e gomma siliconica gls-50 sintafoam prochima

Per essere la prima prova sono soddisfatto e il tutto mi è sembrato abbastanza facile da realizzare. 
Un ultimo consiglio che mi sento di darvi è di pulire eventuali residui di resina non indurita sugli strumenti di lavoro col solvente nitro e di chiudere attentamente i contenitori perchè uno dei due componenti è sensibilissimo all'umidità.







giovedì 17 gennaio 2019

Raduno aerostatico dell'Epifania 2019

Questa sera condivido con voi qualche immagine realizzata durante l'ultimo raduno aerostatico di Mondovì.
Come ogni anno, nel week-end a cavallo del 6 Gennaio, si radunano in città una gran numero di equipaggi che concorrono alle diverse discipline.

Avevo già parlato delle varie gare che si disputano durante il raduno in questi articoli a cui vi rimando. Trovate anche un video durante il lancio del bersaglio.

http://storieefoto.blogspot.com/2016/01/raduno-aerostatico-dellepifania-mondovi.html

http://storieefoto.blogspot.com/2017/01/raduno-aerostatico-dellepifania-2017.html

http://storieefoto.blogspot.com/2017/01/la-caccia-alla-volpe.html

Quest'anno era la 31° edizione e si è registrata un'alta partecipazione di pubblico e team volanti.
Sono arrivati piloti da tutto il mondo, alcuni specializzati nelle varie specialità altri avevano palloni davvero particolari.
La mongolfiera che ha attirato di più l'attenzione era un enorme pallone a forma di moto da gara tipo Superbyke.
Era gigantesca, misurava più di 30 metri d'altezza per 40 di larghezza, pilotata da un equipaggio olandese. Le foto sotto rendono bene l'idea delle dimensioni.


superbyke byke moto motogp mongolfiera mondovì cuneo piemonte raduno aerostatico epifania 2019

superbyke byke moto motogp mongolfiera mondovì cuneo piemonte raduno aerostatico epifania 2019


superbyke byke moto motogp mongolfiera mondovì cuneo piemonte raduno aerostatico epifania 2019

tibet mondolè alpi marittime mongolfiera mondovì cuneo piemonte raduno aerostatico epifania 2019

tibet mondolè alpi marittime mongolfiera mondovì cuneo piemonte raduno aerostatico epifania 2019

night glow raduno epifania mondovì 2019 hot air ballons cuneo piemotne italia 6 gennaio

night glow raduno epifania mondovì 2019 hot air ballons cuneo piemotne italia 6 gennaio

Come sempre li trovate in alta definizione sui miei profili 500px e flickr e non dimenticatevi di seguirmi su instagram @storieefoto

Per chi fosse interessato suggerisco questo bel libro che trovate a poco prezzo su amazon.


Qui invece trovate i link all'attrezzatura fotografica usata in questi scatti.